L’insalata russa non è mai stata una mia passione, ma una volta ogni tanto la mangio. La versione vegana è gustosa, l’avevo provata qualche settimana fa dopo aver comprato una confezione in un negozio bio. Devo dire che quella già fatta costa abbastanza, ma se la facciamo a casa il costo è molto ridimensionato.
Il risultato è questo:

P1030662

Per prima cosa dobbiamo preparare la maionese, che non è difficile da fare. L’importante è riuscire a bilanciare il  latte di soia e l’olio. Per poterlo capire io sono ricorsa agli articoli illuminanti di Ravanello Curioso che potete trovare qui:  Maionese…primo tempo e Maionese…secondo tempo
Ovviamente la ringrazio tantissimo per questi articoli e anche per tutti gli altri. Sono risorse utilissime per noi amanti della cucina vegana.

Sono partita da 50 grammi di latte di soia freddo (che deve essere abbastanza grasso, io ho usato quello naturale della Provamel), l’ho versato nel bicchiere del Minipimer, ho aggiunto 1 cucchiaio scarso di aceto e qualche goccia di limone, un pizzico di sale, un po’ di senape, poca curcuma (per il colore) e poi a filo e piano piano ho aggiunto l’olio di girasole, circa 250 ml.

Devo dire che non mi è riuscita la prima volta, ma la seconda. Come tutte le cose, anche questa ha bisogno di tempo. L’importante è non arrendersi, ma riprovare.

Il risultato è stato ottimo, la maionese già da sola era buonissima. Per fare l’insalata russa basta aggiungere alla maionese dei piselli sbollentati, delle carote e delle patate anch’esse sbollentate (non troppo cotte, non devono rompersi, soprattutto le patate) e tagliate a cubetti.

Buon appetito.

Annunci